Juve scontata, Genoa infelice

PAGELLE JUVE

Neto s.v. Veloso, allo scadere della prima frazione, gli ricorda di essere il portiere della Juve. I suoi piedi sono un insulto alla decenza.

Barzagli 7 Che dici Andrea, ce lo facciamo un aperitivo???

Bonucci 8 Dopo l’inconcepibile 4-0, fossi stato in Massimiliano Allegri, gli avrei insultato la madre, la nonna e l’intero parentado fino al 59° grado. Pazzesco.

Benatia 7 Non si fa mai superare. Implacabile.

Lichtsteiner 6,5 Galoppa e non sbraita più come una racchia in astinenza da verga. Peccato.

Khedira 7 Insormontabile.

24′ st. Rincon s.v.

Marchisio 7 Il Principino ha smania di mettersi in mostra e non delude. Clamoroso quello che accade al 70esimo: azzecca un tiro dopo 200 anni e quasi spacca la traversa. La sua bomba meritava forse una sorte migliore.

41′ st. Mandragora s.v.

Mandzukic 8 Non ci sono più aggettivi per descrivere l’enormità di questa feroce bestiaccia. Possiede un dominio fisico vandalico che gli consente di stuprare chiunque abbia la sventura di capitargli di fronte. E niente: auto-assist, piattone all’angolino, tuoni, fulmini e saette. Capo.

“Un popolo, un impero, un capo.” (Motto della Germania Nazista)

37′ st. Sturaro s.v.

Asamoah 6,5 Stai calmino e tranquillizati un attimo, Kwadwo.

Dybala 8,5 Quando riceve la palla fra le linee è sempre una mina vagante. Realizza il 2-0 in virtù di un deliziosissimo 1-2 con Khedira. Pregiato.

Higuain 6,5 Al 7′ trova lo spazio giusto in area, ma la sua incornata fa la barba al legno. Al 70esimo scheggia il palo emulando Marchisio e in generale palesa un dinamismo commovente. Purtroppo per lui non lascia la sua firma.

All. Allegri 8 Il momentaneo +11 sulla Roma (a 5 giornate dalla fine del Campionato) dovrebbe essere un vantaggio che garantisce certezze. Insomma: a meno di suicidi clamorosi, la Juve pare oramai lanciata verso la conquista del 6° scudetto di fila. Acciuga incontrastabile.

 

PAGELLE GENOA

Lamanna 5,5 Vittima sacrificale.

Muñoz 5,5 Marchisio gli fa carambolare la sfera sul ginocchio e la Juve si porta sull’1-0. Comunque fa acqua da tutte le parti.

Burdisso 4,5 Sigillatelo in una cassa da morto, dai.

22′ st. Biraschi s.v.

Gentiletti 5 Bombole d’ossigeno ne abbiamo?

Lazović 5,5 Errori su errori. Disastro.

41′ st. Hiljemark s.v.

Cataldi 6 Sufficienza figlia del coraggio che l’ex laziale riversa sul rettangolo verde. Magra consolazione, lo so.

Palladino 5 Barzagli lo scherza in lungo e in largo. Non incide e appare addirittura annoiato. Ai tempi bianconeri era una grande promessa, ma adesso è soltanto un caso umano.

Miei segni particolari: incanto e disperazione (Wislawa Szymborska).

Veloso 5,5 La prima conclusione genoana si consuma al 44esimo grazie a lui: tentativo centrale che non arreca preoccupazioni a Neto. Astratto.

Laxalt 5,5 Impalpabile.

3′ st. Beghetto 5,5 Prende il posto di Laxalt, ma anche lui si rivela inadeguato.

Ntcham 5 Francese in prestito dal Manchester City. Riassunto della sua gara: AHAHAHAH.

Simeone 5,5 Una manciata di colpi di testa, movimento discreto e nient’altro.

All. Jurić s.v. L’allenatore croato nulla può per arginare lo strapotere fisico (e tecnico) dei padroni di casa. La monumentale partita dell’andata resta un ricordo lontanissimo.

About Cristian Cinabro

View all Posts

«Non capisco come una mano pura possa toccare un giornale senza una convulsione di disgusto» (Charles Baudelaire).